La cucina di Ema
ANTIPASTI FINGER FOOD NATALE PANE, PIZZE, FOCACCE, TORTE SALATE

Zeppole salate

Per concludere le feste natalizie mancava la ricetta delle zeppole che di solito mangio o la vigilia di Natale o l’Epifania. Una golosità degna di un peccato di gola…da quanto sono appetitose.
Le mie preferite sono con l’acciuga ma è possibile farle anche con mortadella, o le olive, o baccalà, o varie verdure, o provola oppure, ancora, prosciutto. “As you like!” come hanno detto gli ultimi miei ospiti afferrandone una dietro l’altra.

Ingredienti:
1 kg di farina 00
25 gr di lievito di birra (1 cubetto)
Acqua e sale
Olio di oliva per friggere
1 confezione di acciughe sott’olio

Preparate la farina a fontana e mettete nel centro il lievito sciolto in un po’ di acqua calda. Regolate il quantitativo di acqua a poco a poco, deve risultare morbido ed appiccicoso, ma non troppo, quindi dosate bene l’acqua.
Aggiungere un poco di sale e mettere in una ciotola coperta da un canovaccio; lasciare in un posto a temperatura costantemente tiepida per un paio d’ore. Il mio ideale è sempre il forno spento.

Lievitato l’impasto mettere una pentola con olio d’oliva sul fuoco a scaldare. Disponete i pezzetti di acciughe qua e là nell’impasto.
image

Quando l’olio ha raggiunto la temperatura necessaria per la frittura, aiutarsi con due cucchiai e prendere i pezzi di acciuga avvolti nell’impasto e adagiare dolcemente nell’olio. Friggere da entrambi i lati finchè saranno dorati e, poi, con l’aiuto di una pinza per fritti, togliere le zeppole dal fuoco e metterle in una teglia con carta da cucina per assorbire l’olio in eccesso.
image
Servire le zeppole ben calde e…gnammignammi!!!

You Might Also Like...

15 Comments

  • Reply
    Mariacristina
    28 Febbraio 2014 at 16:46

    Ma per caso sei calabrese o hai parenti? 🙂 Perché questa è una ricetta tipica delle mie parti e anche l’adoro!! Troppo buone! 😀

    • Reply
      Emanuela
      1 Marzo 2014 at 10:13

      Sì Mariacristina, la mia nonna materna era di origine calabrese 😉 e questa ricetta era proprio sua 🙂

  • Reply
    Mariacristina
    28 Febbraio 2014 at 16:46

    Ma per caso sei calabrese o hai parenti? 🙂 Perché questa è una ricetta tipica delle mie parti e anche l’adoro!! Troppo buone! 😀

    • Reply
      Emanuela
      1 Marzo 2014 at 10:13

      Sì Mariacristina, la mia nonna materna era di origine calabrese 😉 e questa ricetta era proprio sua 🙂

  • Reply
    Alberto
    19 Gennaio 2015 at 2:31

    Domanda : Nn avendo tempo eventualmente l’impasto lo potrei preparare la sera prima o non va bene!??

    • Reply
      Emanuela
      19 Gennaio 2015 at 9:13

      Sì Alberto, coprilo con la pellicola e tienilo in frigorifero. Buona giornata 🙂

      • Reply
        alberto
        19 Gennaio 2015 at 13:57

        ok grazie mille allora le proverò sicuramente le ho mangiate a napoli e sono impazzito non potevo piu smettere

        • Reply
          Emanuela
          19 Gennaio 2015 at 15:31

          Come ti capisco 😉

  • Reply
    Alberto
    19 Gennaio 2015 at 2:31

    Domanda : Nn avendo tempo eventualmente l’impasto lo potrei preparare la sera prima o non va bene!??

  • Reply
    Alberto
    19 Gennaio 2015 at 14:18

    Scusa altra domanda l’acqua quanto è indicativamente da usare?
    Grazie mille

    • Reply
      Emanuela
      19 Gennaio 2015 at 15:31

      Figurati nessun problema, qui ho messo dosi di un kg, ma ne vengono davvero tante, avevo ospiti. Per uso familiare faccio 300 gr di farina, 250 ml di acqua, 1/2 cubetto di lievito. Devi dosare l’acqua poco alla volta, perché varia da farina a farina, deve essere un impasto appiccicoso con la consistenza come la vedi nella foto. Spero di esserti stata utile. A presto

  • Reply
    Alberto
    19 Gennaio 2015 at 14:18

    Scusa altra domanda l’acqua quanto è indicativamente da usare?
    Grazie mille

    • Reply
      Emanuela
      19 Gennaio 2015 at 15:31

      Figurati nessun problema, qui ho messo dosi di un kg, ma ne vengono davvero tante, avevo ospiti. Per uso familiare faccio 300 gr di farina, 250 ml di acqua, 1/2 cubetto di lievito. Devi dosare l’acqua poco alla volta, perché varia da farina a farina, deve essere un impasto appiccicoso con la consistenza come la vedi nella foto. Spero di esserti stata utile. A presto

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: